Tabella 1h15′ Mezza Maratona

Stavo facendo passare qualche vecchio documento quando mi sono ritrovato tra le mani questa mia vecchia tabella d'allenamento che mi preparai, sul finire del 2011, con l'obiettivo di affrontare al meglio la Gara Roma Ostia 2012.

Solo a leggerla mi sono tornate in mente le immagini di quella indimenticabile domenica. Era il 26 febbraio 2012 e la città eterna, in quell'occasione, ci regalò una splendida mattinata di sole e una temperatura gradevolissima per poter correre al meglio.

Pronti, Via ...e subito per terra, caduto rovinosamente al suolo, davanti al PalaLottomatica, proprio come il proverbiale sacco di patate. Mi rialzai prontamente, gomito sinistro e coscia sanguinanti ma tutto sommato "sentivo" di non essermi procurato nulla di serio. Niente di rotto insomma, a parte il quadrante del mio Garmin 310 XT e i mie occhiali Carrera Sport (frantumati) appena comprati il giorno prima.

Le premesse non furono certamente delle migliori, però, come dice il saggio, non tutti i mali vengono per nuocere. Quella caduta, infatti, mi permise di gestire molto bene lo sforzo nella prima parte di Gara, quella più tecnica, e di non farmi prendere dall'agonismo, situazione che spesso accade quando si prende parte a gare così tanto partecipate. Questo mio atteggiamento "prudente" era certamente figlio del timore che, forzando troppo l'andatura sin dai primi km, si sarebbero potuti palesare i dolori provocati dal mio capitombolo iniziale.

Sicuramente la Roma Ostia è una 21 km molto veloce e se gestita bene nella 1^ parte è una Gara in cui si possono fare tempi decisamente molto buoni. Mi ricordo la Vale (Straneo) che in quell'occasione corse la mezza maratona in 1h07'46", che rappresenterebbe tutt'oggi il Record Italiano femminile (e che Record, parliamo di correre a 3'13" al km di media). Così però non accadde, infatti i Record stabiliti in questa bella Gara non sono omologabili. Non tutti lo sanno, ma il percorso della Roma Ostia viola la regola 240 del Regolamento Tecnico Internazionale che dice che "La distanza in linea d’aria, tra partenza e arrivo, non deve superare il 50% della lunghezza totale del percorso".

Questa qui sotto è l'anteprima della Tabella che mi portò ad ottenere, in quell'occasione, il mio PB sui 21 km (1h15'25"). Forse valevo un minutino in meno.

Se volete provare a seguire questa Tabella cliccate sul link sottostante (è gratis). Sono le ultime sette settimane prima della Gara.

Mezza_Maratona_1h15

       

Altri Post

 
Allenarsi in cortile ai tempi del Covid-19
Allenarsi in cortile ai tempi del Covid-19 - Speed Ladder, utile per migliorare la coordinazione e la rapidità dei piedi - Circuito Forza/Tecnica - 100 x 110 metri in Cortile
Sopravvivere a tavola durante la quarantena
Code chilometriche fuori dai supermercati, banchi semi-vuoti se non completamente desertici e scarsissima possibilità di reperibile cibo (specie di qualità) anche dalle piattaforme on-line (tempi di consegna siderali). C’è poi chi, come il sottoscritto, a casa non possiede un mega surgelatore stile macelleria e che quindi non ha la possibilità di conservare a lungo la carne, il pesce e altri alimenti freschi. Le file interminabili di persone con mascherina e guanti rappresentano per me un valido deterrente contro l’uscire di casa per andare spesso al supermercato. Ok, ma allora che fare? Solo scatolette e pasta fino a quando questa emergenza non sarà finita? Secondo me si può fare, non facciamone un dramma, che sarà mai? I miei genitori ultra ottantenni hanno vissuto situazioni molto peggiori di questa e se la sono cavata alla grande. Sono sicuro che nessuno morirà di fame (e di sete!) se per qualche settimana sarà costretto a rinunciare alla bistecca Chianina o alla sua verdurina da agricoltura biologica a Km zero.
La Corsa ai tempi del COVID-19
So che non è facile allenarsi con grandi motivazioni quando si vive in questo stato di incertezza generale, Quando l'allenamento è finalizzato ad una Gara importante (il nostro obiettivo) dentro di noi sentiamo sempre una forte motivazione, e anche quando siamo stanchi per il lavoro e/o per altre fonti di stress, nulla ci può impedire di uscire ad allenarci e di dare il nostro massimo.
Motivazione e raggiungimento dell’obiettivo
A mio avviso la più imponente forma di motivazione al mondo è l’obiettivo. L’obiettivo è qualcosa che nasce da dentro di noi, è viscerale e vi assicuro che tirarlo fuori non è qualcosa di così semplice come molti vorrebbero farci intendere. Porsi un obiettivo è prendere un impegno con se stessi, è decidere di mettersi in gioco correndo dei rischi, tra i quali anche quello di non farcela. Molti rinunciano ad inseguire il proprio sogno solo perché temono il fallimento, ma rinunciare ad inseguire il proprio sogno per paura di non farcela è da considerarsi come il più grande fallimento umano.
Tabella 1h15′ Mezza Maratona
Stavo facendo passare qualche vecchio documento quando mi sono ritrovato tra le mani questa mia vecchia tabella d'allenamento che mi preparai, sul finire del 2011, con l'obiettivo di affrontare al meglio la Gara Roma Ostia 2012.
E un altro anno se ne va
Sportivamente il mio augurio per il 2020 è che ognuno di Voi possa realizzare il proprio obiettivo. Non esistono obiettivi di serie A, di serie B o C… Un obiettivo è sempre qualcosa di personale che nasce dalla nostra voglia di metterci in gioco e di inseguire, con tutte le nostre forze, quello che è il nostro Sogno.

Recent Comments

 

    IL MIO SERVIZIO

     

    La mia proposta consiste in un servizio di consulenza running, realizzato attraverso l'elaborazione di programmi d'allenamento personalizzati secondo le esigenze individuali e gli obiettivi di ogni singolo podista. Running4you organizza Stage ed Eventi in alcune delle più belle località Italiane.

    Contatti

     

    Tel : +39 333 344 2728
    Email:  info@running4you.org
    P.IVA 08079550961