Shalane Flanagan. Complimenti alla Mamma (e al papà)

Abbiamo ancora tutti negli occhi il magnifico incedere della bionda maratoneta america Shalane Flanagan, che sul finale della Maratona di New York, sui saliscendi di Central Park, sembrava quasi fluttuare nell'aria con quel suo modo di correre tecnicamente perfetto. Nulla ha potuto nemmeno la favorita Mary Jepkosgei Keitany, una che la Grande Mela l'aveva già divorata per ben 3 volte di fila, che non è riuscita a seguire l'azione dell'americana che sembrava letteralmente avere una marcia in più (forse due).
Una grande atleta con un sogno nel cuore da sempre, quello proprio di vincere la Maratona di New York. Lei stessa, a fine gara, ha detto che spera che questa sua impresa possa rappresentare una fonte d'ispirazione per le nuove generazioni. Shalane dice che per realizzare un sogno non bisogna mai abbattersi e che serve pazienza, tanta pazienza. Quest'anno avrebbe dovuto partecipare alla Boston Marathon, ma un problema alla schiena le ha impedito di esserci. Forse New York rappresentava il piano B... credo che a volte anche il destino ci metta un pò del suo.

Il patrimonio genetico che si eredita dai genitori

Forse non tutti sanno che Shalane Flanagan, che vanta un PB in maratona di 2h21'14" (2014), è figlia di quella Cheryl Bridges che nel 1971, in California, stabili il Primato del Mondo in Maratona correndo la Gara di Culver City in 2h49'40" (prima donna a scendere sotto le 2h50'). Quasi certamente Shalane ha ereditato da sua madre qualcosa di più della sola passione per l'atletica (fibre muscolari e mitocondri).

E il papà. Già...e il papà?
Si chiama Steve Flanagan ed è stato nientepopodimeno che un campione del mondo di Cross. La maratona l'aveva corsa anche lui. Con che tempi? 2h18' (3'16" al km).

La genetica aiuta
Mamma 2h49'40" e Papà 2h18...se due indizi fanno una prova, diciamo che Shalane Flanagan è quella che possiamo definire una predestinata.
Non basta però il talento innato per arrivare lì dove è arrivata Shalane Flanagan. Per raggiungere certi risultati si deve soprattutto lavorare sodo, tutti i giorni, e il suo coach* con lei ha fatto uno splendido lavoro.

PB Shalane Flanagan

1.500 metri 4'05"86 (2007)
3.000 metri 8'35"34 (2007)
5.000 metri 14'44"80 (2007)
10.000 metri 30'22"22 (2008)
Half Marathon 1h08'31" (2013)
Marathon 2h21'14" (2014)

* Il coach di Shalane Flanagan si chiama Jerry Schumacher (e con un cognome così).

       

Altri Post

 
DPCM del 26 aprile: Running – Cosa cambierà dal 4 maggio (Fase 2)
Dopo la conferenza stampa di Giuseppe Conte di ieri sera vediamo, nel dettaglio, cosa sarà consentito fare dal 4 maggio in termini di attività motoria.
Pronti per la ripartenza? Mascherina si, mascherina no.
Smentita fortunatamente la notizia (esilarante) di limitare ad un massimo di 40 minuti al giorno la propria uscita di corsa, sembra infatti che non ci saranno (giustamente) limitazioni di tempo, ora quello che a tutti noi appassionati preme sapere è...
Work-out specifico per il Running – Allenarsi ai tempi del Covid-19
Work-out specifico per il Running, non sono necessari attrezzi. Allenarsi ai tempi del Covid-19. Specific running work-out no tools are needed. Coach G
Allenarsi in cortile ai tempi del Covid-19
Allenarsi in cortile ai tempi del Covid-19 - Speed Ladder, utile per migliorare la coordinazione e la rapidità dei piedi - Circuito Forza/Tecnica - 100 x 110 metri in Cortile
Sopravvivere a tavola durante la quarantena
Code chilometriche fuori dai supermercati, banchi semi-vuoti se non completamente desertici e scarsissima possibilità di reperibile cibo (specie di qualità) anche dalle piattaforme on-line (tempi di consegna siderali). C’è poi chi, come il sottoscritto, a casa non possiede un mega surgelatore stile macelleria e che quindi non ha la possibilità di conservare a lungo la carne, il pesce e altri alimenti freschi. Le file interminabili di persone con mascherina e guanti rappresentano per me un valido deterrente contro l’uscire di casa per andare spesso al supermercato. Ok, ma allora che fare? Solo scatolette e pasta fino a quando questa emergenza non sarà finita? Secondo me si può fare, non facciamone un dramma, che sarà mai? I miei genitori ultra ottantenni hanno vissuto situazioni molto peggiori di questa e se la sono cavata alla grande. Sono sicuro che nessuno morirà di fame (e di sete!) se per qualche settimana sarà costretto a rinunciare alla bistecca Chianina o alla sua verdurina da agricoltura biologica a Km zero.
La Corsa ai tempi del COVID-19
So che non è facile allenarsi con grandi motivazioni quando si vive in questo stato di incertezza generale, Quando l'allenamento è finalizzato ad una Gara importante (il nostro obiettivo) dentro di noi sentiamo sempre una forte motivazione, e anche quando siamo stanchi per il lavoro e/o per altre fonti di stress, nulla ci può impedire di uscire ad allenarci e di dare il nostro massimo.

Recent Comments

 

    IL MIO SERVIZIO

     

    La mia proposta consiste in un servizio di consulenza running, realizzato attraverso l'elaborazione di programmi d'allenamento personalizzati secondo le esigenze individuali e gli obiettivi di ogni singolo podista. Running4you organizza Stage ed Eventi in alcune delle più belle località Italiane.

    Contatti

     

    Tel : +39 333 344 2728
    Email:  info@running4you.org
    P.IVA 08079550961