Il Racconto di Silvana – Running4you Stage di Livigno

valeria straneo

Mi piace pensare che non sia un destino stabilito una volta e per sempre a determinare la nostra vita, ma un incontro di casualità e volontà, di occasioni e istintualità,una misteriosa combinazione in cui ci viene riservato un ruolo,quello della scelta. E come capita spesso le scelte migliori poco hanno a che fare con la lucida e seria razionalità ,le prendi in un attimo e non torni più indietro,nonostante i dubbi e le perplessità. E così,senza pensarci su, ti iscrivi ad uno stage di corsa a 2000 km di distanza e a 2000 mt di quota, ti ritrovi da sola su un aereo, destinazione finale Livigno. Dopo dieci ore di viaggio mi accoglie un paesaggio splendido. Lo saranno altrettanto i miei compagni di avventura? Sì,lo saranno e ognuno di loro ,in modo diverso, renderà questa esperienza un momento da ricordare,ricco di condivisione e di solidarietà, in cui impegno e fatica si alterneranno ad allegria e sorrisi, uniti tutti dalla stessa passione per la corsa, al di là di prestazioni cronometriche e di classifiche. Il tutto grazie ad un coach sempre presente e attento, uno di noi e con noi ,che ha saputo dare unità e coesione al gruppo avvalendosi anche della collaborazione di un altro grande atleta, Andrea,che per l'occasione si è sacrificato durante gli allenamenti a recuperare la sottoscritta,la lumachina del gruppo, sostenendola con preziosi consigli e incoraggiamenti. La Stralivigno ha concluso nel migliore dei modi lo stage,una gara condivisa tra tensione e gioia di partecipare, in cui ciascuno di noi ha cercato di dare il meglio mettendo a frutto gli insegnamenti appresi nei giorni precedenti. Bello vivere insieme i momenti pregara,ancora più bello trovare il coach che ti aspetta all'arrivo ,nonostante la pioggia e la sua gara già conclusa da un pezzo. Dentro di me la consapevolezza di aver trovato molto più di quello che mi aspettavo e di portare con me una buona scorta di entusiasmo e di fiducia che nella corsa,come nella vita , sono essenziali. Torno a casa con una valigia molto più pesante,fatta di ricordi e di emozioni,di incontri speciali, di sport pulito, di spensieratezza e di amicizia. A dare più senso e valore al nostro stare insieme la presenza del piccolo Nicolò,il più grande di tutti noi,grazie al quale abbiamo corso all'insegna del gesto più bello del mondo, l'Abbraccio 

Silvana Cantone (Palermo)

       

Altri Post

 
DPCM del 26 aprile: Running – Cosa cambierà dal 4 maggio (Fase 2)
Dopo la conferenza stampa di Giuseppe Conte di ieri sera vediamo, nel dettaglio, cosa sarà consentito fare dal 4 maggio in termini di attività motoria.
Pronti per la ripartenza? Mascherina si, mascherina no.
Smentita fortunatamente la notizia (esilarante) di limitare ad un massimo di 40 minuti al giorno la propria uscita di corsa, sembra infatti che non ci saranno (giustamente) limitazioni di tempo, ora quello che a tutti noi appassionati preme sapere è...
Work-out specifico per il Running – Allenarsi ai tempi del Covid-19
Work-out specifico per il Running, non sono necessari attrezzi. Allenarsi ai tempi del Covid-19. Specific running work-out no tools are needed. Coach G
Allenarsi in cortile ai tempi del Covid-19
Allenarsi in cortile ai tempi del Covid-19 - Speed Ladder, utile per migliorare la coordinazione e la rapidità dei piedi - Circuito Forza/Tecnica - 100 x 110 metri in Cortile
Sopravvivere a tavola durante la quarantena
Code chilometriche fuori dai supermercati, banchi semi-vuoti se non completamente desertici e scarsissima possibilità di reperibile cibo (specie di qualità) anche dalle piattaforme on-line (tempi di consegna siderali). C’è poi chi, come il sottoscritto, a casa non possiede un mega surgelatore stile macelleria e che quindi non ha la possibilità di conservare a lungo la carne, il pesce e altri alimenti freschi. Le file interminabili di persone con mascherina e guanti rappresentano per me un valido deterrente contro l’uscire di casa per andare spesso al supermercato. Ok, ma allora che fare? Solo scatolette e pasta fino a quando questa emergenza non sarà finita? Secondo me si può fare, non facciamone un dramma, che sarà mai? I miei genitori ultra ottantenni hanno vissuto situazioni molto peggiori di questa e se la sono cavata alla grande. Sono sicuro che nessuno morirà di fame (e di sete!) se per qualche settimana sarà costretto a rinunciare alla bistecca Chianina o alla sua verdurina da agricoltura biologica a Km zero.
La Corsa ai tempi del COVID-19
So che non è facile allenarsi con grandi motivazioni quando si vive in questo stato di incertezza generale, Quando l'allenamento è finalizzato ad una Gara importante (il nostro obiettivo) dentro di noi sentiamo sempre una forte motivazione, e anche quando siamo stanchi per il lavoro e/o per altre fonti di stress, nulla ci può impedire di uscire ad allenarci e di dare il nostro massimo.

Recent Comments

 

    IL MIO SERVIZIO

     

    La mia proposta consiste in un servizio di consulenza running, realizzato attraverso l'elaborazione di programmi d'allenamento personalizzati secondo le esigenze individuali e gli obiettivi di ogni singolo podista. Running4you organizza Stage ed Eventi in alcune delle più belle località Italiane.

    Contatti

     

    Tel : +39 333 344 2728
    Email:  info@running4you.org
    P.IVA 08079550961