L’impiegato che corre la Maratona in 2h08’37” 川 内 優 輝

La storia è quella dell'impiegato Giapponese Yuki Kawauchi (30 anni) che dal 2009 ad oggi ha portato a termine 71 maratone con tempi davvero incredibili.

Analizzando i risultati delle 71 maratone corse da Kawauchi risulta una media finale di 2h12'39". Lasciando stare i piazzamenti, questo ragazzo è stato in grado trionfare per 26 volte. PB 2h08'14" (Seoul International Marathon nel 2013).

La Gara che lo ha fatto conoscere al mondo è stata senza dubbio la Maratona di Tokyo del 2011. Quel giorno, tra lo stupore generale del pubblico e di tutti gli addetti a lavori, il simpatico Yuki giunse al traguardo, sfinito (come fa sempre), con il tempo finale di 2h08'37" (3'03" al km). Terzo posto al traguardo (Primo Giapponese). Credo che quel mattino furono in tantissimi a domandarsi: "川 内 優 輝 chi?"

Yuki Kawauchi fa l'impiegato in prefettura, passa 40 ore la settimana davanti alla sua scrivania, si autofinanzia per poter correre (NO SPONSOR) ed esce ad allenarsi UNA sola al volta al giorno, per la serie: MEGLIO UN ALLENAMENTO AL GIORNO FATTO BENE CHE DUE FATTI MALE.

Molti fisiologici ed allenatori sostengono che per poter essere produttivo un allenamento di corsa non dovrebbe mai durare meno di 80 minuti. In pratica due allenamenti al giorno di 50 minuti l'uno non daranno mai gli stessi benefici di un singolo allenamento della durata di 1h20'.

Ed è secondo questi principi che si basa il training di Yuki Kawauchi, strategia di allenamento che il simpatico atleta del Sol Levante non ha nessuna intenzione di modificare perchè, dice lui, le cose così come ora vanno alla stragrande, per quale ragione quindi dovrei cambiarle? (e come dargli torto).

Yuki Kawauchi ha scelto il NON professionismo perchè in questo modo la sua vita è più equilibrata ed è completamente libero di poterla vivere come meglio crede, senza pressioni e imposizioni di nessun tipo.

Questa la sua settimana tipo di allenamento, postata qualche giorno fa su FB da Daniele Silvioli:

Tabella Yuki Kawauchi

Se volete saperne di più su questo simpatico e straordinario atleta non dovete far altro che cercare su internet, troverete tantissime informazioni su di Lui e sulle sue vicende sportive, alcune addirittura esilaranti, come quando, vestito da ufficio, in giacca e cravatta, corse la Mezza Maratona in 1h06'42"...

Il maratoneta in Giacca e Cravatta

       

Altri Post

 
DPCM del 26 aprile: Running – Cosa cambierà dal 4 maggio (Fase 2)
Dopo la conferenza stampa di Giuseppe Conte di ieri sera vediamo, nel dettaglio, cosa sarà consentito fare dal 4 maggio in termini di attività motoria.
Pronti per la ripartenza? Mascherina si, mascherina no.
Smentita fortunatamente la notizia (esilarante) di limitare ad un massimo di 40 minuti al giorno la propria uscita di corsa, sembra infatti che non ci saranno (giustamente) limitazioni di tempo, ora quello che a tutti noi appassionati preme sapere è...
Work-out specifico per il Running – Allenarsi ai tempi del Covid-19
Work-out specifico per il Running, non sono necessari attrezzi. Allenarsi ai tempi del Covid-19. Specific running work-out no tools are needed. Coach G
Allenarsi in cortile ai tempi del Covid-19
Allenarsi in cortile ai tempi del Covid-19 - Speed Ladder, utile per migliorare la coordinazione e la rapidità dei piedi - Circuito Forza/Tecnica - 100 x 110 metri in Cortile
Sopravvivere a tavola durante la quarantena
Code chilometriche fuori dai supermercati, banchi semi-vuoti se non completamente desertici e scarsissima possibilità di reperibile cibo (specie di qualità) anche dalle piattaforme on-line (tempi di consegna siderali). C’è poi chi, come il sottoscritto, a casa non possiede un mega surgelatore stile macelleria e che quindi non ha la possibilità di conservare a lungo la carne, il pesce e altri alimenti freschi. Le file interminabili di persone con mascherina e guanti rappresentano per me un valido deterrente contro l’uscire di casa per andare spesso al supermercato. Ok, ma allora che fare? Solo scatolette e pasta fino a quando questa emergenza non sarà finita? Secondo me si può fare, non facciamone un dramma, che sarà mai? I miei genitori ultra ottantenni hanno vissuto situazioni molto peggiori di questa e se la sono cavata alla grande. Sono sicuro che nessuno morirà di fame (e di sete!) se per qualche settimana sarà costretto a rinunciare alla bistecca Chianina o alla sua verdurina da agricoltura biologica a Km zero.
La Corsa ai tempi del COVID-19
So che non è facile allenarsi con grandi motivazioni quando si vive in questo stato di incertezza generale, Quando l'allenamento è finalizzato ad una Gara importante (il nostro obiettivo) dentro di noi sentiamo sempre una forte motivazione, e anche quando siamo stanchi per il lavoro e/o per altre fonti di stress, nulla ci può impedire di uscire ad allenarci e di dare il nostro massimo.

Recent Comments

 

    IL MIO SERVIZIO

     

    La mia proposta consiste in un servizio di consulenza running, realizzato attraverso l'elaborazione di programmi d'allenamento personalizzati secondo le esigenze individuali e gli obiettivi di ogni singolo podista. Running4you organizza Stage ed Eventi in alcune delle più belle località Italiane.

    Contatti

     

    Tel : +39 333 344 2728
    Email:  info@running4you.org
    P.IVA 08079550961