Monica e la Maratona di New York.

monica covezzi

Mi chiamo Monica Covezzi, ho 52 anni e sono podista da poco tempo.
Non sono mai stata sportiva e nel 2010 mi è stato diagnosticato un carcinoma mammario .
In meno di tre settimane sono stata operata e ho affrontato un percorso di cure di circa diciotto mesi che ho cercato di portare avanti con tutta la positività di cui sono stata capace.

Un giorno un amica mi invita a correre una gara a scopo benefico, io tentenno …. correre ?!?!?
Non ce la farò mai e non mi è mai piaciuto …. però provare non costava nulla. Passo dopo passo, in tre mesi mi preparo per la mia prima 10 km, sette mesi dopo arrivo a correre una 15 km , era luglio 2012 ….. da allora non mi sono più fermata !

D’obbligo il passaggio agli allenamenti di qualità anziché di quantità e qui l’incontro con il grande coach Andrea Gornati, che mi ha portato a correre la mia prima mezza maratona a Berlino, che tra l’altro doveva essere la prima e ultima .... In realtà ho deciso di farne un’altra … era Novembre 2013 e in quei 21 km corsi da sola sotto la pioggia ho iniziato a pensare alla maratona.
Parlo con Andrea, siamo all’inizio del 2014 , non è da molto che corro, lui dice che è un progetto ambizioso, ma se ci rimbocchiamo le maniche ce la possiamo fare, io mi fido di lui e ho iniziato l’allenamento.
La maratona prescelta era Valencia : 16 Novembre 2014, e appena aperte le iscrizioni mi sono iscritta.

Un giorno un’amica podista, anche lei si è ammalata di cancro, mi dice di mandare una mail alla Fondazione Umberto Veronesi raccontando la mia storia e mi dà il link di un progetto :

Questo è il messaggio che un gruppo di donne operate di tumore al seno porterà alla prossima maratona di New York.
«Si può correre per dimostrare, a se stessi e al mondo, che si è tornati alla vita di prima, magari apprezzandola di più. Che si può recuperare completamente la propria forma fisica e persino migliorarla" - commenta Paolo Veronesi, Presidente della Fondazione Veronesi, in occasione di un'iniziativa organizzata insieme a Rosa & Associati: il reclutamento di donne curate per un tumore al seno da allenare in vista della prossima maratona newyorkese, che si terrà come ogni anno la prima domenica di novembre. Ad allenare il particolare team di maratonete sarà il Dott. Gabriele Rosa, specializzato in cardiologia e in medicina dello sport, uno degli allenatori di corsa più noti al mondo.

Angela ed io partecipiamo alle selezioni del progetto #NothingStopsPink, veniamo scelte insieme ad altre trentasei donne tutte accomunate dalla stessa diagnosi: tumore al seno.
Iniziamo gli allenamenti suddivise tra Milano e Brescia con due allenatori, nel frattempo Andrea mi ha sempre seguito, integrando gli allenamenti milanesi con i compiti “a casa”.

Il 1 Agosto 2014, è arrivata la mail con la convocazione : sono nel gruppo delle dieci donne che andranno a New York !

E’ finalmente arrivato il gran giorno, siamo a New York da tre giorni, sveglia alle 4 e alle 6 siamo già a Staten Island e la nostra partenza è fissata per le 11 …. c’è un vento pazzesco!
Ci prepariamo all’ingresso del nostro corral , arriviamo in prossimità della partenza ed un colpo di cannone segna l’inizio della mia prima maratona !
Sul Ponte di Verrazzano il vento è molto molto forte, tutta la tensione accumulata nei giorni precedenti è svanita. La vista di Manhattan con la Statua della Libertà è meravigliosa e in un soffio il ponte è finito, si inizia a sentire il boato della gente, stiamo entrando a Brooklyn, il pubblico fa il tifo , ti chiama, la musica è altissima…. Mentre corriamo sentiamo sempre più spesso il pubblico incitare:
Nothing Stops Pink ! Pink, Pink, Pink … GoGoGo !!!! Loro hanno capito cosa significa il colore rosa della nostra maglietta…..
Siamo in quattro, riusciamo a correre tutte insieme per circa 23 km, poi devo rallentare e siccome non voglio intralciare le altre, dico loro di andare avanti.
Sono riluttanti , lo spirito Pink è unico, sto bene devo solo rallentare un po’e in ogni caso io al traguardo arriverò… riesco finalmente a convincerle e rimango da sola.
Arrivo al Queensboro Bridge il silenzio mi avvolge, un nodo mi prende la gola e le gambe si bloccano, riesco solo a camminare e piango, piango per tutta la lunghezza del ponte.
E’ un mix di emozioni, gioia, dolore e rabbia, butto fuori tutto!
Su quel ponte ho lasciato tutto quello che non volevo più, ho lasciato i pensieri brutti legati alla malattia, le difficoltà di ristabilire una vita normale, ho provato la gioia di guardare avanti, apprezzando e godendo di ogni attimo, senza tralasciare nulla di quello che il futuro ha scritto per me.
Sono alla fine del ponte , in sottofondo il boato del pubblico si fa di nuovo sentire, e lì riparto, le gambe ricominciano a correre , miglio dopo miglio arrivo a Central Park, il pubblico è sempre lì, ti aiuta, ti spinge avanti, arrivo a Columbus Circus ci siamo quasi, so che sono poche centinaia di metri ma sembra non finire mai, l’ultima salita e vedo il traguardo, lo attraverso, esulto … non piango … sono felicissima e come avevo detto il giorno della convocazione : New York sarà il mio traguardo, dopodichè volterò pagina e andrò oltre !
E mentre torno in albergo avvolta nel poncho blu da Finisher con la medaglia al collo, mi godo le “congratulation” dei passanti e so che sto andando oltre .

E Valencia ? Il 16 Novembre sarò anche lì…. sulla linea di partenza ci saranno mio marito ed una carissima amica… doveva essere la nostra prima maratona ,quindi non posso esimermi, ma quel che succederà ve lo racconterò piu avanti , per ora è un segreto tra me e il coach !

Monica

       

Altri Post

 
Shalane Flanagan. Complimenti alla Mamma (e al papà)
Forse non tutti sanno che Shalane Flanagan è figlia di quella Cheryl Bridges che nel 1971, in California, stabili il Primato del Mondo in Maratona correndo la Gara di Culver City in 2h49'40" (prima donna a scendere sotto le 2h50'). E il papà?
L’impiegato che corre la Maratona in 2h08’37” 川 内 優 輝
La storia è quella dell'impiegato Giapponese Yuki Kawauchi (30 anni) che dal 2009 ad oggi ha portato a termine 71 maratone con tempi davvero incredibili...
Joan Benoit Samuelson a 60 anni punta a correre la Maratona sotto le 3 ore
Alla prossima Maratona di Chicago (8 ottobre 2017) Joan Benoit Samuelson sarà ancora protagonista e, potete starne certi, ce la metterà tutta per abbattere il muro delle TRE ore. 
Buon Natale da Running4you
“Ogni giorno succedono piccole cose, tante da non riuscire a tenerle a mente né a contarle, e tra di esse si nascondono granelli di una felicità appena percepibile, che l’anima respira e grazie alla quale vive.”
46^ TCS New York City Marathon – Domenica 6 novembre
Tutto pronto per la 46^ TCS New York City Marathon, il grande appuntamento autunnale con la maratona più partecipata al mondo. Al via più di 50.000 persone, 2.819 gli Italiani iscritti, circa 500 in più rispetto all'edizione del 2015.
Lagoon Collection – Running Revolution
Lo senti? Lo senti che arriva? Dai ascolta meglio, so che lo puoi sentire, già queste settimane si è fatto sentire bene e ci ha scombussolato il bioritmo facendo comparire fastidiosi raffreddori e mal di gola. Si parlo proprio di lui, del freddo! Il freddo con tutti i suoi simpatici amici (umidità, piogge, vento ecc) è ormai alle porte, anzi direi che è entrato senza troppo chiedere il permesso!

Recent Comments

 

    IL MIO SERVIZIO

     

    La mia proposta consiste in un servizio di consulenza running, realizzato attraverso l'elaborazione di programmi d'allenamento personalizzati secondo le esigenze individuali e gli obiettivi di ogni singolo podista. Running4you organizza Stage ed Eventi in alcune delle più belle località Italiane.

    Contact Info

     

    Tel : +39 333 344 2728
    Email:  info@running4you.org
    P.IVA 08079550961
    Privacy Policy

    Informativa Area Riservata